Università, Ricerca, Sviluppo

7

“L’università e la ricerca scientifica sono condizioni essenziali per lo sviluppo dell’Italia e della Sicilia”. Questa affermazione, ascoltata troppe volte come una formula vuota, comporta invece conseguenze e responsabilità. Si tratta di superare le politiche che negli ultimi decenni hanno condotto ad un forte ridimensionamento dell’università e della ricerca scientifica. L’Italia investe drammaticamente meno dei nostri competitori nell’istruzione e nella scienza, scontando un numero di laureati incompatibile con una moderna società prospera. Cosa impedisce al paese di fare gli investimenti in questo settore, senza i quali siamo destinati al declino? La risposta sembra includere un problema di reputazione. Purtroppo in Italia la scienza e l’università non godono di una reputazione abbastanza buona da spingere i decisori politici a fare le scelte che sarebbero necessarie. Il problema è che le politiche recenti sull’università e la ricerca hanno riguardato tematiche interne all’accademia, come le modalità del reclutamento e le procedure di valutazione della ricerca. Al contrario, bisognerebbe concentrarsi sull’esperienza didattica dello studente, ossia proprio laddove si forma la reputazione delle università presso gli studenti e le loro famiglie. Le azioni immediatamente attuabili riguardano le incentivazioni sulla qualità della didattica ed istituzione di teaching centers accademici. Tra le azioni che richiedono interventi preliminari prioritaria è la costituzione di un organismo regionale per il placement post-laurea formato dalle università e dalla Regione siciliana. Infine le azioni che richiedono modifiche normative si citano la necessità di un unico riferimento per l’università e la ricerca presso un “assessorato alla cultura”, il potenziamento delle strutture per il diritto allo studio nelle città universitarie (Palermo, Catania, Messina) in cambio di una riforma delle sedi universitarie distaccate e dei consorzi universitari e il concentramento su 3 poli scientifici di grandi dimensioni le risorse regionali sulla ricerca...

[Per leggere il report completo iscriviti alla piattaforma di Cambiamenti]