Scuola, Formazione, Sport

6

Dal tavolo è emersa soprattutto la sofferenza in cui il sistema di istruzione e formazione versa nella nostra Regione: a fronte di situazioni certamente di buon livello, il sistema scuola siciliano sconta una serie di ritardi e inefficienze: edilizia scolastica, elevata dispersione scolastica, livelli di rendimento non accettabili sulle prove Invalsi, ritardo tecnologico e culturale, scarsità di tempo pieno nella scuola Primaria che disallinea la regione dal resto del Paese, rarefazione e inefficienza dei servizi per la scuola. E solo per citare ciò che sembrano determinarsi come emergenze. Da una prima ricognizione al tavolo è emerso quanto segue: 1) investire e dare senso alla leggere regionale n. 6 del 2000 recante provvedimenti importanti per l’autonomia delle istituzioni scolastiche statali e regionali per realizzare un modello di autonomia delle istituzioni scolastiche avanzato e punto di riferimento per il Paese; 2) investire su un nuovo modello di edilizia scolastica; le scuole come civic center e luoghi aperti per la comunità; 3) investire e ripensare i servizi per la scuola; 4) promuovere un grande piano regionale, una specie di piano Marshall, contro la dispersione scolastica, il depauperamento culturale e la promozione di modelli didattici ed educativi originali ed efficaci; 5) Investire sul sistema di istruzione delle aree interne come occasione e strumento di sviluppo per quelle aree. Le Madonie sono la prima tra le cinque aree siciliane e una delle otto nazionali ad aver ricevuto l’approvazione da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri e ad avviare questo processo di rigenerazione territoriale.

Per lo sport si lamenta la condizione di una scarsa diffusione della cultura dello sport che diventa poi scarsa pratica: povertà o assenza di impianti, scarso investimento da parte delle federazioni, poche scuole di avvio e pratica delle discipline sportive, povertà di investimenti economici, precarietà delle strutture...

[Per leggere il report completo iscriviti alla piattaforma di Cambiamenti]