Salute, Welfare, Coesione

3

Il tavolo ha trovato immediata convergenza e intesa su alcune priorità evinte da un’analisi condivisa dei punti di forza e delle aree di debolezza delle diverse realtà quotidiane, ospedaliere, territoriali ambulatoriali specialistiche e della medicina di base. Si individuano le realtà più critiche su cui orientare i riflettori di questa riflessione comune al fine di reperire delle strategie comuni di possibile risoluzione delle problematicità.

L’ospedalità, con le aree di emergenza urgenza, nel suo rapporto tra le diversi luoghi di assistenza e la territorialità, costituisce un punto nodale critico attorno al quale ruotano  tutte le altre organizzazioni assistenziali  che si intersecano e che a catena risultano reciprocamente  interferite. Il carico ed i ruoli della ospedalità e del territorio non risultano ben definiti nella loro reciproca attività ed integrazione. Persistono gravi difficoltà di comunicazione tra i diversi settori e risulta pertanto basilare sollevare il problema della informatizzazione della cartella clinica (proposta di card regionale del paziente o tessera sanitaria con funzione di contenitore di tutte le notizie cliniche dell’utente) nonché di supporto alla rete. Tra le soluzioni proposte prioritario è il potenziamento delle risorse del territorio laddove il cittadino ha necessità di reperire nel quotidiano delle forme di assistenza ambulatoriale accessibile, facilitata, supportata nella fruibilità soprattutto per le fasce più deboli, in cui alla problematicità della condizione di salute si aggiunge anche il disagio socio-ambientale…

[Per leggere il report completo iscriviti alla piattaforma di Cambiamenti]