25 febbraio 2017
  • IMG_4663

Esattamente 20 anni fa, Steve Jobs lanciò i suoi nuovi Mac con una campagna pubblicitaria che fece la storia della Apple (GUARDA LO SPOT). Era il 1997, e come protagonisti dello spot furono scelti Albert Einstein, Bob Dylan, Martin Luther King, John Lennon, e tanti altri importanti personaggi. In Italia il doppiaggio fu affidato a Dario Fo. Lo spot si chiudeva con due semplici parole: “Think Different” ed era dedicato a tutti coloro vedevano le cose in modo diverso, che pensavano diversamente. A tutti i folli che volendo cambiare il mondo, poi lo cambiavano davvero.

Perché vi racconto di questo spot di vent’anni fa per invitarvi lunedì 13 marzo a Siracusa dalle 15 alle 19 nella sede dell’Area Marina Protetta del Plemmirio (Via Gaetano Abela, comprensorio Castello Maniace) per parlare di economia e di lavoro con Claudio De Vincenti, ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno? Semplice, perché “think different” è la filosofia che vogliamo seguire per mettere sottosopra la Sicilia: vogliamo pensare in modo nuovo e diverso ad un modello di sviluppo per la nostra terra. Non una lista della spesa né una cantilena del tipo: “potremmo campare solo di turismo…”. Il punto non è questo.

Pensare diversamente è innanzitutto immaginare – e lo vogliamo fare a partire dal contributo di tutti gli operatori economici dell’isola, degli economisti e delle comunità locali – non cosa, ma come in Sicilia, partendo da una economia da socialismo reale, riusciamo ad invertire una tendenza decennale di crescita lenta, disoccupazione a doppia cifra e scarsi investimenti.

“Think different” è l’invito che vi facciamo, chiedendovi di iscrivervi e partecipare ai 10 tavoli tematici su Economia e Lavoro (ISCRIVITEVI QUI) del 13 marzo a Siracusa.

Nei 10 tavoli approfondiremo 10 temi: Identità alimentare della terra e del mare di Sicilia: nuove sfide; Partneriato pubblico-privato: strumento per superare la crisi degli enti locali; Politiche attive del lavoro; Sharing Economy e consumo collaborativo: dalla proposta di legge alla fattività nei territori; Il credito e le imprese; L’industria 4.0 in Sicilia; Il commercio e le sue peculiarità; Il terzo settore: valorizzazione e caratterizzazione; Le altre professioni: il futuro della società civile; La fiscalità: piccole e medie imprese.

Siamo folli da pensare che possiamo da qui, con le nostre pedalate, dare vita a uno strappo economico, ad un’accelerazione improvvisa che consenta al Sud, ed in particolare alla Sicilia, di ridurre le distanze, agganciare e superare il Nord in volata.

Puntare alla piena occupazione in Sicilia, potenziando le realtà imprenditoriali locali e diventando attrattivi agli investimenti esterni, attraverso una fiscalità di vantaggio, non è una mission impossible.

Come fare? A Siracusa, alla presenza del ministro De Vincenti, parleremo di quelle che per noi sono le premesse indispensabili per questo strappo economico: un moderno sistema infrastrutturale, con l’equiparazione del nostro sistema a quello del Nord, così come prevede la legge sul federalismo; la continuazione della lotta alla criminalità organizzata; la semplificazione amministrativa; una fiscalità di vantaggio per tutte le nuove imprese che scelgono di stare in Sicilia, con l’eliminazione dei contributi per 5 anni per i nuovi assunti; la creazione di una agenzia nazionale per l’attrazione di investimenti dall’esterno e di un organismo che si colleghi ai paesi del Mediterraneo; l’individuazione di una serie di Territori ad Incremento Rapido (TIR) dove tutte queste condizioni si possano attuare da subito… e tante altre idee che verranno fuori dalla giornata di sabato.

Vi aspetto, quindi. Vent’anni fa Apple fece la storia con “Think different”, lunedì 13 marzo anche grazie a voi possiamo scrivere quella della Sicilia dei prossimi 20 anni.

Davide Faraone
davidefaraone.it